Festa dell'accoglienza del Centro Territoriale Permanente dell'I.T. "Galilei"

«La paura del diverso è riferibile, per dirla con Freud, alla paura del subconscio, parte più oscura di noi. Necessario rimuovere condizioni di discriminazione, avviando piani per l’inclusione per creare una società poli identitaria, dove diversità e incontro tra culture determinano arricchimento» (Prof. Vincenzo Fontana).






Il Dirigente Scolastico dell'I.T. "G. Galilei"
di Canicattì, Prof. Vincenzo Fontana

La responsabile del Centro Territoriale
Permanente, Prof.ssa Lilia Lauricella

Gli studenti del CTP si esibiscono in alcune danze



Il pubblico

Canicattì, integrazione: 

festa dell’accoglienza all’Istituto Tecnico "Galilei"


L'autrice dell'articolo, dott.ssa
M. Serena Milisenna
Venerdì 15 novembre presso l’Istituto Tecnico Galilei, i docenti del Centro Territoriale Permanente hanno organizzato la festa dell’accoglienza, dedicata agli iscritti stranieri e italiani che frequentano i corsi. Un variopinto momento di aggregazione ed entusiasmo che ha visto protagonisti i ragazzi della zona e i numerosi stranieri provenienti da Ghana, Egitto, Marocco, Mali, Bangladesh che, con una esibizione molto partecipata, hanno portato sul palco la loro identità culturale, attraverso canti e balli etnici.
Palpabile tra loro la gioia di essere stati accolti in una Sicilia attenta alle esigenze dei più deboli. Ospitati nelle case di accoglienza della provincia, questi studenti vengono poi inseriti nelle classi di alfabetizzazione affinché si integrino al meglio, imparando la lingua: “Sono molto felice di essere in Italia – ha detto Alfonso, diciassettenne che arriva dal Gambia – quando ero nel mio paese sognavo di poter parlare in italiano e di dire molto di più che un semplice ciao!”.
“La paura del diverso – ha dichiarato il Dirigente Vincenzo Fontana, nel suo discorso di saluto – è riferibile, per dirla con Freud, alla paura del subconscio, parte più oscura di noi. Necessario rimuovere condizioni di discriminazione, avviando piani per l’inclusione per creare una società poli identiaria, dove diversità e incontro tra culture determinano arricchimento”.
Gli adulti italiani e gli stranieri, preparati dai docenti Angela Farruggio, Angela Dora Giammusso, Lilia Lauricella, Eugenio Nobile, Salvatore Vinci, si sono infine esibiti cantando Vitti nà Crozza e l’inno Fratelli d’Italia, in un abbraccio multicolore che ha reso bene l’idea della possibilità di gettare le basi per una società multietnica. “Necessario riscoprire nella Scuola – ha detto la Prof.ssa Lilia Lauricella, fiduciaria del CTP – una funzione educativa volta a rimuovere le barriere all’ingresso. L’operatività dell’azione scolastica deve mettere al centro i diritti umani e l’integrazione. Molti degli alunni del CTP raccontano storie travagliate: sbarcati a Lampedusa, questi giovani fanno parte di quei numerosi profughi che arrivano sulle nostre coste, spinti dalla speranza di trovare una vita migliore. Sono molto fortunati rispetto a chi purtroppo è naufragato”.
A tal proposito un momento dello spettacolo è stato dedicato alle vittime di Lampedusa e al ricordo del Docente di alfabetizzazione Paolo Molinari, scompaso un anno fa: “Un collega che ha speso molti anni della sua attività professionale accanto ai ragazzi del Centro e che adempiva il proprio compito con passione e dedizione”. “La festa dell’accoglienza – ha dichiarato ancora Lauricella – vuol creare in loro fiducia e maggiore dialogo tra il corpo docente, gli alunni e le Associaioni che in partnership ci sostengono e ci aiutano fornendo il materiale didattico”. Presenti varie delegazioni del territorio: il Presidente Diego Argento e il Dott. Matteo Corsitto del Rotary Club che fornisce al CTP i materiali didattici, il Rag. Maira dell’Auser, i rappresentati dell’Istituto Beata Vergine Concezione di Naro, tutto il corpo direttivo dell’ITC.
Integrazione razziale, inclusione, ascolto delle istanze provenienti dall’ambiente e supporto ad hoc sono i valori che informano le azioni fondamentali alla base degli obiettivi formativi proposti dal Centro Territoriale Permanente. Il CTP rivolge agli utenti due tipi di offerte formative: da un lato, vista l’alta presenza di stranieri, corsi di alfabetizzazione; dall’altro, poiché Canicattì è un importante luogo commerciale, i docenti propongono corsi serali per il conseguimento della licenza media pensati proprio per adulti lavoratori fuoriusciti troppo presto dal circuito scolastico. (http://www.canicattiweb.com)


Nessun commento:

Posta un commento