SALVATORE SULLI, Per la “piazza” di Prizzi un re vale l’altro

Il corso principale di Prizzi, dove fra l’altro hanno sede la casa comunale ed i principali uffici municipali (quello che i Prizzesi impropriamente chiamano “piazza”), è intitolato a Umberto I di Savoia;  e fin qui nulla di straordinario, salvo poi a scoprire che è intitolato anche al nipote Umberto II; come dire che se visto da sinistra (o se preferite da destra), imboccandolo dalla piazza S. Francesco, si chiama corso Umberto I, che, tanto per non creare confusione, fu il re assassinato nel 1900 a Monza da un anarchico: se invece lo si imbocca  dalla parte opposta, venendo dalla via Nicolò Alongi, diventa – non si sa perchè - corso Umberto II, almeno così dice la targa ivi apposta, che fu - anche se per pochissimo tempo - nel 1946 l’ultimo re d’Italia, prima dell’avvento della Repubblica.

LUIGI FICARRA, La classe dirigente della periferia italiana nella sua connessione con quella nazionale

E’ interessante l’articolo di Galli della Loggia sulle “oligarchie che dominano nella periferia italiana e che attraverso i loro esponenti troviamo ogni volta alla testa degli istituti in bancarotta”.
E’ una radiografia ben fatta, utile a leggersi.
Con un limite di classe di fondo però: ritenere che non vi sia un nesso delle oligarchie locali con la politica nazionale e cioè col potere statale centrale.

I diritti dell'uomo al "Galilei" di Canicattì


 COMUNICATO STAMPA

Il 30 settembre 2016, alle ore 11:00, nell’atrio dell’I.I.S.S. “Galileo Galilei” di Canicattì, il Cardinale Mons. Francesco Montenegro incontrerà studenti e docenti sul tema “I diritti dell’uomo: cittadinanza globale, problemi e prospettive”.

ENZO SARDO, Premio Speciale Solidarietas 2016

Illustri premiati, egregi premianti, caro arciprete Diego Martorana, cari Sindaci, gentile Signore e signori e con vivo piacere che vi porgo il saluto mio personale e del Movimento Cristiano Lavoratori della Provincia di Agrigento. L’MCL è un Movimento di lavoratori cristiani, di solidarietà, volontariato e promozione sociale senza alcuna finalità di lucro. Il Movimento intende promuovere l’affermazione dei principi cristiani nella vita, nella cultura, negli ordinamenti e nella legislazione.

GIOVANNI TESE', Riflessioni e ricordi sui Mattarella

Intervento di GIOVANNI TESÈ alla presentazione del libro 
I Mattarella nella terra di Pirandello, Sciascia e Tomasi di Lampedusa

Pianoro Tempio di Giunone – Valle dei Templi – Agrigento
Venerdì, 22 luglio 2016

GIUSEPPINA FICARRA, Le due Italie della maturità

L’articolo di Gian Antonio Stella (*) come sospettavo è privo di qualunque fondamento. E da esperta di valutazione scolastica proverò brevemente a spiegare il perché. Quello che Stella vuole contestare è il fatto che <<I numeri pubblicati ieri raccontano di un Mezzogiorno che trabocca di giovani diplomati con 100 e lode, con la Puglia che gode di una quota di geni proporzionalmente tripla rispetto al Piemonte o al Veneto, quadrupla rispetto al Trentino, quintupla rispetto alla Lombardia.>>