Gaetano Augello, "RECULA MATERNA…" - "CETTE' CETTEIS AMEN"

La ricorrenza del Due Novembre, dai bambini detta la Festa dei morti, era ed è particolarmente cara ai canicattinesi, anche se molte delle antiche tradizioni - ad esempio "li pupi di zuccaru" - sono scomparse o in via di estinzione per via dei costi, come la frutta di martorana. 

SALVATORE BANCHERI, Il Riscatto di Adamo di Filippo Orioles (1687-1793): tra riscritture, rifacimenti, furti e copioni

Intervento presentato al "Convegno Internazionale - AATI 2017"

Università di Palermo, 27 giugno – 1 luglio 2017

Gaetano Augello, LA CASA DEL FASCIO

Con delibera n. 52 del 29 maggio 1930 il Comune fece donazione all’Ente Giuridico Fascio di Combattimento di Canicattì dell’area soprastante i locali patrimoniali del Comune, siti in via capitano Ippolito, per realizzarvi la Casa del Fascio. Il progetto fu redatto gratuitamente dai tecnici comunali geom. Guglielmo La Rocca e arch. Serafino Tavella. Da parte del segretario politico cittadino del Fascio, Carmelo Pellegrino, fu aperta una pubblica sottoscrizione che raccolse 35.000 lire; altre 35.000 furono messe a disposizione dall’Amministrazione Comunale come primo intervento. Alla fine la realizzazione dell’opera costò 150.000 lire. 

GAETANO AUGELLO, "Avarà Cecè’" - L'epica lotta tra Cesare Gangitano e Giuseppe Marchesano

Per parecchi anni a Canicattì i socialisti riformisti di Gaetano Rao si allearono, nelle elezioni politiche e amministrative, con i “radicali” di Guarino Amella, costituendo insieme il cosiddetto “blocco popolare”. A contrastare questo blocco uno strano connubio: quello che vedeva insieme i “reazionari” Gangitano e i socialisti rivoluzionari Cigna. Come spesso avverrà nella storia del socialismo, non solo a livello locale, gli opportunismi personali e gli interessi di fazione prendevano il sopravvento sulle scelte ideali, agitate spesso solo come vessillo. 

Gaetano Augello, FUNERALE "PIRANDELLIANO" PER LUIGI PIRANDELLO NELLA SUA AGRIGENTO

Nei giorni in cui si commemorano i 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello, si parla soprattutto dei suoi funerali ed in particolare di quello celebrato nella sua Agrigento nel 1947. La vicenda ha avuto particolare eco a seguito di una brillante narrazione della stessa da parte dello scrittore Andrea Camilleri che, giovanissimo, ne fu protagonista.

Gaetano Augello, L’AVVOCATO FRANCESCO MACALUSO "FRA NECCOLO’ MUSASCA".

Francesco Forestano Macaluso nacque a Canicattì, il 27 maggio 1885, dallo speziale Giuseppe, fratello del patriota Vincenzo, e da Grazia Provinzano. A Palermo si laureò in Giurisprudenza e frequentò ambienti giornalistici. Fu protagonista della vita politica e culturale di Canicattì. 

Gaetano Augello, LA CHIESA DEL CARMINE

Intorno alla metà del Cinquecento è da collocare la costruzione del convento e della chiesa del Carmine, certamente prima del 1557, anno in cui è documentata l’autorizzazione alla costruzione, all’interno di detta chiesa, di una cappella in onore della Madonna della Catena, concessa dai padri carmelitani a tale Giovanni Falco.