Michelangelo Ingrassia

Docente universitario
Storico

Michelangelo Ingrassia, Le Società Operaie di Mutuo Soccorso e la lotta per la democrazia in Italia

Michelangelo Ingrassia, Le Società Operaie di Mutuo Soccorso e la lotta per la democrazia in Italia. Storia di una sperimentazione politica,

Prefazione di Giuseppe Garibaldi, 

Edizioni People & Humanities, Palermo 2017, pp. 146, € 13.

Gaetano Augello,I FASCI SICILIANI A CANICATTÌ

Avv. Vincenzo Falcone
Le società di mutuo soccorso avrebbero presto assunto un ruolo sindacale attraverso la costituzione dei Fasci dei Lavoratori, meglio conosciuti come Fasci Siciliani. Il 28 aprile del 1892 fu fondato a Palermo il primo Fascio ed iniziò la fase operaia del movimento; il 20 gennaio del 1893 si ebbe l’eccidio di Caltavuturo che ne aprì la fase contadina. Esponenti di primo piano dei Fasci Siciliani furono Rosario Garibaldi Bosco a Palermo, Nicola Barbato a Piana dei Greci (dal 1941 Piana degli Albanesi), Giuseppe De Felice Giuffrida a Catania, Francesco De Luca e Lorenzo Panepinto nella provincia di Girgenti. In Sicilia, fino al dicembre del 1893, furono fondati ben 177 Fasci, uno dei quali sorse a Canicattì tra l’undici ed il quattordici maggio e riunì ben presto 1450 soci. 

Gaetano Augello, MONSIGNOR BENEDETTO LA VECCHIA

Benedetto La Vecchia – nome di battesimo Rosario - nacque in via Mirandola, a Canicattì, il 2 luglio 1813. 
Entrato nell’Ordine dei frati minori osservanti, fu docente di teologia e filosofia nel convento di Aracoeli a Roma, di filosofia a Napoli, definitore generale dell’Ordine a Roma, provinciale in Sicilia e, dal 1847, guardiano del convento della Gancia a Palermo. 

Gaetano Augello, LA CHIESA DI SANTA BARBARA

La chiesa di Santa Barbara, ormai da tempo sconsacrata, è la più antica di Canicatti, seconda soltanto alla chiesa del Purgatorio che sarebbe stata costruita da Ruggero il Normanno nei pressi dell'antico Palazzo Baronale (detto il Castello) e che quindi non va confusa con la successiva chiesa del Purgatorio fatta costruire dal barone Gaetano Adamo, tra il 1803 ed il 1806, nell'attuale piazza IV Novembre.

Gaetano Augello, Vincenzo Macaluso

Un significativo contributo al processo di unificazione nazionale fu dato dal patriota canicattinese Vincenzo Macaluso.
Nacque a Canicattì nel 1824 dall’avvocato Angelo. Dopo aver compiuto gli studi nella città natale, e quindi a Girgenti e a Catania, nel 1847 si laureò in legge a Palermo, ove iniziò ad esercitare la professione di avvocato. L’anno successivo prese parte a Palermo ai moti rivoluzionari del 12 gennaio e, passato a Messina col grado di capitano di artiglieria della Batteria Trinacria, difese valorosamente quella piazza. Partecipò quindi alla spedizione calabro-sicula, difendendo con eroismo le bandiere tricolori issate in un pianoro vicino a Bagnara Calabra, meglio conosciuto come i Piani della Corona. 

Gaetano Augello, LI SCOLI NUOVI (Scuole Elementari "Mario Rapisardi")


La costruzione dell’edificio scolastico “Mario Rapisardi” rappresentò un momento importante nella crescita culturale della città. Allora esistevano solo le scuole elementari di San Domenico, mentre si discuteva ancora della realizzazione di un nuovo edificio scolastico a Borgalino.